Il Decreto del 10 marzo 1998 ci ricorda che tutte le misure di protezione antincendio previste per garantire il sicuro utilizzo delle vie di uscita, per l’estinzione degli incendi e per la rivelazione e l’allarme in caso di incendio, devono essere oggetto di sorveglianza, controlli periodici e mantenute in efficienza costante.

Riprendiamo dal decreto alcune definizioni:

– sorveglianza: controllo visivo atto a verificare che le attrezzature e gli impianti antincendio siano nelle normali condizioni operative, siano facilmente accessibili e non presentino danni materiali accertabili tramite esame visivo. La sorveglianza può essere effettuata dal personale normalmente presente nelle aree protette dopo aver ricevuto adeguate istruzioni;

– controllo periodico: insieme di operazioni da effettuarsi con frequenza almeno semestrale, per verificare la completa e corretta funzionalità delle attrezzature e degli impianti;

– manutenzione: operazione od intervento finalizzato a mantenere in efficienza ed in buono stato le attrezzature e gli impianti.

Manutenzione di estintori d’incendio

Tutti gli estintori dovranno essere oggetto di controllo semestrale e, quando necessario, di revisione e collaudo”.

Il controllo semestrale dovrà avvenire secondo quanto specificato dalla norma UNI 9994 punto 4.5, la revisione norma UNI 9994-1 punto 4.6 e il collaudo norma UNI994-1 punto 4.7.

Vediamo alcune attività della revisione:

– “verifica della conformità al prototipo omologato per quanto attiene alle iscrizioni e all’idoneità degli eventuali ricambi;

– verifiche di cui alle fasi di sorveglianza e controllo (5.1 e 5.2);

– esame interno dell’apparecchio per la verifica del buon stato di conservazione;

– esame e controllo funzionale di tutte le parti;

– controllo di tutte le sezioni di passaggio del gas ausiliario e dell’agente estinguente, in particolare il tubo pescante, i tubi flessibili, i raccordi e gli ugelli, per verificare che siano liberi da incrostazioni, occlusioni e sedimentazioni;

– controllo dell’assale e delle ruote, quando esistenti;

– eventuale ripristino delle protezioni superficiali;

– taratura e/o sostituzione dei dispositivi di sicurezza contro le sovrappressioni;

– sostituzione dell’agente estinguente;

– rimontaggio dell’estintore in perfetto stato di efficienza”.

Il collaudo consiste in una misura di prevenzione atta a verificare la stabilità del serbatoio o della bombola dell’ estintore, in quanto facenti parte di apparecchi a pressione.

Le scadenze dipendono dal tipo di estintore.

Manutenzione ad idranti e naspi

Tutti gli idranti devono “essere oggetto di controllo semestrale ed intervento annuale”.

Il controllo semestrale deve avvenire con le seguenti modalità:

– “controllo generale cassette idranti;

– controllo segnaletica;

– controllo presenza manichette;

– controllo presenza lance;

– controllo stato manichette;

– controllo presenza chiavi di manovra;

– controllo collegamento manichetta e tubazione;

– timbratura del cartellino di controllo;

– prova scarico antigelo (solo per idranti soprassuolo)”.

Inoltre si ricorda che è stato introdotto l’obbligo di registrazione degli interventi manutentivi sugli impianti ed attrezzature antincendio: “il registro deve fedelmente riportare tutto quanto avviene in materia di manutenzione impianti ed attrezzature antincendio dei presidi”.

Per approfondimenti e curiosità non esitate a contattarci!

A presto,

Aesse Team

Leave reply:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *